Recensione: Xiaomi Pad 5 – Il ritorno in grande stile di Xiaomi nel mondo dei tablet

xiaomi pad 5

Nel mondo dei tablet Android non c’è una vasta scelta, a parte i classici cinesi low cost entro i 150€ e altri di marche più conosciute a prezzi salati (ad es. Samsung e Huawei), ma adesso dopo oltre 4 anni di assenza in questo ambito e per la prima volta ufficialmente in Italia, è arrivata anche Xiaomi con lo Xiaomi Pad 5, oggetto della recensione di oggi.

Contenuto della confezione:
1 x Xiaomi Pad 5
1 x Cavo USB A – USB C
1 x Caricabatteria da 22,5W
1 x Carta garanzia
1 x Guida rapida

Questo slideshow richiede JavaScript.

Hardware

xiaomi pad 5

Xiaomi Pad 5 è un tablet di fascia medio-alta, elegante con un peso di 511g e spesso solamente 6,85mm, ha un processore Snapdragon 860 (che si tratta di un 855 Plus rimarchiato da Qualcomm stessa, come visibile anche da CPU-Z nell’immagine sottostante) Octa Core da 2,96 GHz con processo produttivo a 7 nanometri, schermo touch IPS 1600×2560 da 11 pollici con refresh rate a 120 Hz, GPU Adreno 640, 6GB di RAM, 128GB (il modello della recensione) o 256GB GB di memoria interna (non espandibile tramite micro SD), fotocamera posteriore da 13 Megapixel ƒ/2.0 con doppio flash LED e frontale da 8 Megapixel ƒ/2.0 e interfaccia MIUI 12.5 basata su Android 11.

xiaomi pad 5

Nella parte frontale si trova (andando dall’alto verso il basso) la fotocamera frontale da 8 Megapixel e lo schermo da 11 pollici.

xiaomi pad 5

I laterali sono in metallo che garantiscono una certa resistenza e qualità del tablet, in quella destra è presente il bilanciere del volume, invece in quella sinistra il connettore della tastiera Xiaomi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella parte laterale superiore si trovano due altoparlanti Dolby Atmos, il microfono e il pulsante di accensione, invece nella parte inferiore altri due altoparlanti Dolby Atmos, un altro microfono e la porta USB C (non supporta l’uscita video).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il retro è in plastica di ottima fattura, andando dall’alto verso il basso, si trova la fotocamera da 13 Megapixel con doppio flash LED e il logo Xiaomi e il nome del modello.

xiaomi pad 5

Utilizzo

Xiaomi Pad 5 inizialmente va ricaricato con un cavo USB A – USB C incluso con il suo adattatore a parete che supporta la ricarica rapida, non avendo un LED di stato, per vedere quando la ricarica è stata ultimata basterà premere una volta il pulsante di accensione, così si accenderà lo schermo e mostrerà lo stato di ricarica della batteria.

All’accensione apparirà il logo MI, seguito dal logo animato MIUI e dopo pochi secondi sarà pronto per essere usato, presentando con la schermata di blocco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Monta Android 11 aggiornato alle patch di ottobre 2021 con interfaccia MIUI 12.5, ma leggermente ritoccata per adattarsi ad uno schermo più grande e che fa in modo di fornire un utilizzo soddisfacente, infatti nel desktop è presente in basso la dock delle app ed è possibile affiancare due app compatibili in maniera molto semplice, così da poterle usare in contemporanea.

N.B. Il 17 febbraio 2022 è uscito l’aggiornamento con la MIUI 13.

Questo slideshow richiede JavaScript.

C’è anche una modalità desktop che permetterà di utilizzarlo in maniera simil Windows 10, si può abilitare tramite l’installazione di questo apk (è stato estratto da uno Xiaomi Mi Mix Fold) e permette di aprire le app in finestre, creare manualmente cartelle, nuovi file (testo, word, excel e power point) e aprire il menu start. Per ritornare alla classica interfaccia MIUI basterà andare poi su Exit.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’interfaccia delle impostazioni è la classica MIUI ma adattata per schermi più grandi, tra le più rilevanti segnalo:

Wi-Fi: è di tipo ac dual band come potete vedere dallo screen della mia rete.

Connessione e condivisione: per poter condividere elementi in modalità wireless tramite Mi Share (solo alcuni dispositivi supportati, come Xiaomi, Oppo, Vivo, Realme ed altri) e proiettare lo schermo su un monitor esterno.

Display: cambiare la frequenza di aggiornamento tra 120Hz e 60Hz (caratteristica che difficilmente troverete su tablet di questa fascia di prezzo).

Suoni: dove sarà possibile abilitare/disabilitare il Dolby Atmos e modificare gli effetti.

Schermata Home: per modificare alcuni aspetti del launcher di sistema, come il cambio da classico (con tutte le app su schermo) a con cassetto app, e la navigazione di sistema con gesti o tasti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Stilo e tastiera: per le impostazioni di Xiaomi Smart Pen e tastiera.

Impostazioni aggiuntive: è presente l’opzione memory extention, che permette di aggiungere ulteriori 2GB di RAM occupando della memoria interna, arrivando così a 8GB di RAM.

La memoria interna di Xiaomi Pad 5 in questa versione della recensione è da 128GB, ho effettuato una verifica con Disk Speed Test sulla sua velocità di scrittura e lettura, dando degli ottimi risultati, con 1,1GB/s in lettura e 525MB/s in scrittura.

Ho effettuato anche dei benchmark con diverse app, dandomi dei buoni risultati in linea con il processore:

-3DMark

Questo slideshow richiede JavaScript.

-Geekbench 5

Questo slideshow richiede JavaScript.

-Geekbench ML

Questo slideshow richiede JavaScript.

-GFXBench

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra le applicazioni pre-installate sono davvero poche, come la Google Suite (tra cui il Google Play Store, Foto, Gmail, YouTube, Chrome, ecc.), WPS Office e Netflix.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Essendo presente il Widevine L1 che abilita la riproduzione in HD, oltre al Netflix sopracitato, dal Play Store è possibile scaricare tutte le altre app di streaming come Discovery+, Disney+, Mediaset Infinity, Pluto TV, Prime Video e Rai Play, che girano senza problemi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Xiaomi Pad 5 supporta l’USB OTG e riesce a leggere senza problemi le pendrive (comprese quelle con partizione NTFS), tramite un apposito adattatore (se non ne possedete già uno, con 4,19€ potrete acquistarne un pacco da 4) o una pendrive con USB C integrato (come la Kingston DT MicroDuo 3C che ho usato), così da poter aprire sul tablet ciò che c’è su di essa; legge perfettamente ed in maniera fluida i filmati fino alla risoluzione 4K e l’audio con i quattro speaker è veramente fenomenale, forte e con suono cristallino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo schermo è un IPS in 16:10 con risoluzione 1600×2560 pixel, è davvero ti ottima qualità e nell’utilizzo quotidiano non noto differenza con lo schermo AMOLED del mio Poco F2 Pro, permette di essere visto perfettamente da qualsiasi angolazione e ha un’ottima sensibilità del touch.

Le fotocamere si comportano bene, presente anche il flash LED (che non c’è su tutti i tablet), e scatta delle buone foto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sia con i giochi 2D che 3D, grazie anche alla GPU Adreno 640, permette di far girare bene praticamente tutto, io ho testato: “Asphalt 9”, “Genshin Impact“, “Mario Kart Tour” e “Tetris”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La batteria integrata è da ben 8.720 mAh, che con un uso intenso può essere utilizzato fino a un paio di giorni, naturalmente l’autonomia aumenta con utilizzo medio basso, dato che in standby i consumi sono veramente irrisori.

Supporta anche la ricarica a 33W, l’alimentatore incluso in confezione invece arriva a 22,5W.

Conclusioni

Xiaomi Pad 5 sancisce il ritorno della casa cinese nel mondo dei tablet, facendolo in grande stile, infatti risulta uno dei migliori tablet Android in circolazione per qualunque utilizzo, fatto con ottimi e resistenti materiali, buon display che supporta il refresh rate a 120 Hz, un processore che fa bene il suo lavoro e tanta memoria interna (minimo 128GB, massimo 256GB). Xiaomi ha utilizzato una versione della MIUI più adatta per uso su tablet, che a tutti potrebbe non piacere, anche se a me non dispiace.

Può essere acquistato su Goboo nella colorazione Cosmic Gray o Pearl White, in versione 6+128GB (quello della recensione) a 329€ o 6+256GB a 369€ con spese di spedizione gratuite e consegna entro 5 giorni lavorativi (viene spedito dalla Spagna ed è con garanzia ufficiale Xiaomi):

Acquista Xiaomi Pad 5 su Goboo

Inoltre è tornata disponibile la Xiaomi Smart Pen, che solitamente ha un costo di 99,99€, ma sulla pagina prodotto è presente un coupon di 20€ che vi permetterà di acquistarla a 79,99€:

Acquista Xiaomi Smart Pen su Goboo

N.B. Come nuovi utenti potrete usufruire di un buono sconto di 5€!

Xiaomi Pad 5

da 329€
9.5

Voto

9.5/10

Pros

  • Qualità costruttiva
  • Sempre fluido
  • Hardware
  • 4 speaker potenti con audio cristallino
  • Refresh rate 120 Hz

Cons

  • Nessuno slot micro SD
  • Nessuno slot SIM

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.