Recensione: Xiaomi Redmi 7 3+64GB

Xiaomi Redmi 7 è lo smartphone della serie Redmi, che punta sulla velocità d’uso e che si va a posizionare nella fascia medio-bassa. Adesso andiamolo a scoprire tramite questa recensione.

Contenuto della confezione:

1 x Xiaomi Redmi 7
1 x Caricabatteria europeo 5V/2A
1 x Cavo USB
1 x Adattatore per estrarre carrello Nano SIM/Micro SD
1 x Manuale
1 x Cover nera in silicone

Hardware

Xiaomi Redmi 7 ha il processore Qualcomm Snapdragon 632 Octa Core da 1.8 GHz, schermo 19:9 HD+ 1520×720 pixel da 6.26 pollici, GPU Adreno 506 a 725 MHz, disponibile nei tagli da 2GB+16GB / 3GB+32GB / 3GB+64GB (quello della recensione) eMMC 5.1 per la memoria interna (espandibile con Micro SD fino a 512GB), è dual sim (Nano SIM) con connessione 4G LTE (con supporto alle bande globali GSM B2/3/5/8, WCDMA B1/2/4/5/8, FDD-LTE B1/2/3/4/5/7/8/20 e TDD-LTE B38/40), WiFi Single Band 2.4GHz, Bluetooth 4.2, doppia fotocamera posteriore da 12 MP+2 MP con flash LED e frontale da 8 MP, lettore delle impronte digitali, batteria da 4000MAh e interfaccia MIUI 10.2, basata su Android 9 Pie.

Il peso è consistente con i suoi 180g, ha una buona qualità costruttiva anche se in plastica, nella parte frontale si trova, partendo dall’alto verso il basso, lo speaker, il sensore di prossimità, il sensore di luminosità, il notch a goccia (già visto su altri modelli in commercio) e la fotocamera frontale da 8 MP, poco sotto sono presenti lo schermo da 6.26 pollici e il LED di notifica.

Nella parte laterale sinistra si trova il carrello con triplo slot per due nano SIM e una Micro SD, nella parte destra invece il bilanciere del volume e il pulsante Power.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella parte laterale superiore si trova il microfono per la riduzione del rumore, il jack da 3.5 mm e la porta IR (infrarossi) ed infine nella parte inferiore, il microfono, la porta Micro USB e l’altoparlante.

Il retro è in plastica lucida, trattiene infatti un po’ le impronte, è stondato e non scivoloso, si trovano la doppia fotocamera da 12 MP+2 MP, il Flash LED, il sensore di impronte digitali e il logo “Redmi”.

Utilizzo dello Xiaomi Redmi 7

Questo Xiaomi Redmi 7 è in versione Global quindi con tutte le lingue (tra cui l’italiano), le app di Google e tutte le bande del 4G, che arriva con su installata la MIUI 10.2 Global.

I tempi di boot sono nella media per il tipo di memoria interna, infatti in circa 20 secondi si avvierà e sarà pronto per essere utilizzato.

L’interfaccia MIUI è proprietaria di Xiaomi, in questo caso la 10.2.8.0 è basata su Android 9 con patch di Marzo 2019, risultando davvero molto fluida.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel menu a tendina sono presenti i classici toggle, insieme alla regolazione della luminosità, e le notifiche (che anche se il notch è veramente ridotto, compariranno sulla barra solamente per una manciata di secondi, dopo di che sarà necessario usare il menu a tendina).

Su impostazioni ne sono presenti di diverse ed interessanti, tra le più rilevanti segnalo:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Informazioni sul telefono: con diverse informazioni sul telefono, come nome del modello, versione di Android, livello patch di sicurezza, versione di MIUI, CPU, RAM, memoria interna, banda di base, kernel e numero build, ed anche la possibilità di verificare l’uscita di nuovi aggiornamenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Aggiornamento app di sistema: per poter aggiornare le app del sistema MIUI.

Stato sicurezza: per abilitare il trova dispositivo in caso non lo si riesca a trovare, visualizzare l’ultimo aggiornamento di sicurezza installato e Google Play Protect.

Schede SIM e reti mobili: per gestire la/le SIM e modificare delle impostazioni, con cui è possibile consentire la connettività 4G ad entrambe le SIM, rinominarle e modificare il numero.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altro: per gestire la VPN e trasmettere lo schermo in wireless tramite la tecnologia Miracast (con cui visualizzare in tempo reale sulla TV lo schermo di Redmi 7 su un mini pc/tv box Android con almeno Android 4.2 e l’app WiFi Display, Miracast o similare).

Display: per modificare il livello di luminosità, attivare la modalità lettura, che riduce la luminosità di fondo per le ore buie, con tanto di possibilità di programmarla in automatico, cambiare colore e contrasto, e attivare il doppio tocco per l’attivazione dello schermo quando si trova in standby.

Sfondo: qui è possibile cambiare lo sfondo selezionandone uno tra quelli di sistema e tra le proprie immagini personali.

Temi: qui è possibile cambiare il tema del sistema, ne sono presenti solamente due (a causa della GDPR), per scaricarne altri tramite lo store MIUI online si dovrà impostare un’altra regione come l’India.

Schermata di blocco e password: è possibile registrare le impronte digitali e il volto per sbloccare il dispositivo, che avviene in maniera davvero immediata.

Visualizzazione a schermo intero: si può impostare la navigazione di sistema a scelta tra i tasti su schermo (App Recenti, Home e Indietro) o tra gesture, senza dubbio la mia preferita e che trovo davvero comoda, che permette di andare alla schermata Home eseguendo uno swipe dal basso, aprire le App Recenti eseguendo uno swipe dal basso e fermandosi, tornare indietro eseguendo uno swipe dal bordo dello schermo per passare all’applicazione precedente, scorrendo a sinistra o a destra dal bordo dello schermo e tenendo premuto per un po’.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Secondo spazio: per creare uno “spazio separato”, tramite il quale sembrerà di avere due dispositivi differenti.

Impostazioni aggiuntive: qui sono presenti delle utili impostazioni, come Assistente tocco (per attivare un pulsante fluttuante in qualsiasi schermata e app, che comprende i pulsanti di navigazione, blocco schermo e screenshot), Collegamenti tasti e gesti, LED di notifica, assegnare determinate azioni ai pulsanti presenti sugli auricolari, migliorare il suono tramite equalizzatore e con Ottimizzazione Mi Sound, Modalità ad una mano (per facilitare l’uso con una sola mano riducendo lo schermo a 3.5″, 4.0″ o 4.5″), effettuate un backup delle impostazioni e spostare dati da un dipositivo ad un altro tramite Mi Mover.

Questo slideshow richiede JavaScript.

App clonate: per effettuare la clonazione delle app installate, così da poter usare ad esempio 2 account di WhatsApp o Facebook sullo stesso dispositivo.

Blocco app: per richiedere una password all’accesso delle app che preferite, così da proteggere la propria privacy.

La sua memoria interna è da 64GB e tramite AndroBench ho verificato la sua velocità, che mi ha restituito dei buoni risultati, con 293.92 MB/s in lettura e 100.21 MB/s in scrittura.

Avendo la MIUI 10.2 Global sono presenti le varie app di Google ed il Play Store, in più sono presenti altre app di Xiaomi come Bussola (una bussola), Scanner (per la scansione dei codici QR, biglietti da visita e documenti), Note (un blocco note), Meteo (un’app meteo), Sicurezza (un’ottima utility di sicurezza di Xiaomi, che permette di liberare spazio, controllare il traffico dati, bloccare numeri per SMS e chiamate, ottimizzare l’uso della batteria, scansione virus e permessi), Gestore File (un gestore file), Musica (il lettore musicale), Video (il lettore video), Pulitore (per liberare la memoria da file nella cache, obsoleti ecc.), Browser,la Radio FM (grazie alla presenza del jack da 3.5″) e Telecomando Mi (per usare Redmi 7 come un telecomando).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Xiaomi Redmi 7 tramite la porta Micro USB supporta l’USB OTG e riesce a leggere senza problemi le pendrive in FAT32, tramite l’apposito adattatore o una pendrive Micro USB, così da poter aprire sullo smartphone ciò che si ha su di essa, anche con il video player di Xiaomi riesce a leggere tranquillamente i DivX e gli MKV, compresi quelli con codec H265 e con risoluzione fino a 4K.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’audio è buono, sia in chiamata, dove anche dall’altra parte mi sentono forte e chiaro, che tramite l’altoparlante, per sfruttare il vivavoce o l’ascolto di musica, anche se è mono.

Lo schermo è un buon IPS in 19:9 con risoluzione 1520×720 HD+, 269 PPI, rapporto di contrasto 1500:1, permette di essere visto perfettamente da qualsiasi angolazione, è molto luminoso, la sensibilità del touch è ottima ed il vetro è in Gorilla Glass 5.

Le fotocamere posteriori sono due, una da 12 MP con large pixel da 1.2µm e apertura f/2.2, e una da 2 MP per la sfocatura dello sfondo, il software di Xiaomi lavora bene, specialmente attivando l’AI (intelligenza artificiale), che rileva fino a 27 scene differenti, migliorando così il contrasto e la luminosità per scattare la foto del soggetto. I migliori risultati li dà nelle foto diurne, anche se quelle serali e con poca luce non risultano niente male, risultando tra le migliori fotocamere al di sotto dei 200€. Quella frontale da 8 Megapixel risulta veramente buona per i selfie, ed ha l’utile funzione di scatto con il palmo, tramite la quale basta mostrare un gesto del palmo verso l’obiettivo per scattare una foto senza toccare lo schermo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alcune foto:

Questo slideshow richiede JavaScript.

I video possono essere girati in 1080p a 60fps, 1080p a 30fps, 720p a 30fps e in slow motion a 720p a 120fps, che non sono davvero niente male.

Video:

Il GPS integrato funziona molto bene, permettendo una veloce ed accurata acquisizione della posizione, che impiega circa 2 secondi la prima per mettere in fix i satelliti, invece dalla seconda volta in poi meno di mezzo secondo, risulta ottimo e stabile.

Ho effettuato dei benchmark con diverse app, che hanno dato dei risultati in linea con questa fascia di prodotti:

-3DMark

-AITuTu Benchmark

-AnTuTu Benchmark

Questo slideshow richiede JavaScript.

-GeekBench

Questo slideshow richiede JavaScript.

-GFXBench

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ho effettuato anche una prova della connessione 4G LTE con Iliad, dandomi dei risultati in linea con quelli che ho riscontrato in zona con il mio Xiaomi Pocophone F1:

Con i 3 GB di RAM riesce comunque a girare abbastanza fluido, la GPU Adreno 506 si comporta bene, permettendo di utilizzare senza problemi giochi come “Asphalt 9”, “Hungry Dragon”, “PAC-MAN CE DX” e “Sonic The Hedgehog”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La batteria da ben 4000mAh unita all’utilizzo tramite un processore di fascia medio-bassa e all’ottimizzazione della MIUI, permette di arrivare tranquillamente a fine giornata con un uso intenso, invece con utilizzo medio si riescono a fare due giornate complete.

Di seguito un breve video con l’utilizzo di Xiaomi Redmi 7:

Conclusioni

Xiaomi Redmi 7 è un dispositivo con un’ottima qualità prezzo, si posiziona nella fascia medio-bassa, ha un buono schermo, buone prestazioni ed ottima autonomia, la fotocamera mi ha stupito positivamente risultando tra le migliori al di sotto dei 200€, molto importante la presenza del triplo slot, così da poter usare contemporaneamente due sim e la Micro SD.

E’ disponibile nelle colorazioni Comet Blue, Lunar Red e Eclipse Black ed è possibile acquistarlo su Amazon, GearBest, SLG Store, Mi.com, Mediaworld, Unieuro e Tigershop, di seguito le versioni disponibili con relativo prezzo:

Xiaomi Redmi 7

da 98.10€
8.5

Voto

8.5/10

Pros

  • Schermo
  • Fotocamera
  • Infrarossi
  • Autonomia
  • Triplo slot (2 nano SIM + 1 Micro SD)

Cons

  • Porta Micro USB
  • WiFi Single Band
  • Cover posteriore che trattiene le impronte